I rischi per la salute dei fumatori di sigarette al mentolo

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Condividi su

Nel 1920, in Ohio, un certo Lloyd “Spud” Hughes si trova davanti a quella che, a suo tempo, è considerata una scoperta geniale. Conservando le sigarette in un barattolo contenente cristalli al mentolo, infatti, dà casualmente il via ad un abbinamento che avrebbe fatto strada: le sigarette al mentolo.

Un accostamento per cui, dal 1926, è utilizzato come additivo l’isomero L-mentolo, estratto dalla pianta della menta. Nel ventesimo secolo, dopo quasi cento anni, questa storia tra la sigaretta e la menta conoscerà la fine.

Infatti, dal 20 maggio 2020 il commercio di questo prodotto sarà vietato in tutta Europa in virtù dei rischi che l’additivo unito al tabacco provocherebbe alla salute. Ma quali sono questi rischi?

Il mentolo e il suo sapore

L’uso di mentolo nella produzione di sigarette è noto ormai da quasi un secolo.

I motivi dell’aggiunta di additivi nei prodotti del tabacco sono sia quello di migliorare il sapore amaro tipico delle sigarette convenzionali, che limitarne gli effetti irritanti sulla mucosa bronchiale.

Negli ultimi anni, infatti, gli studi condotti per cercare di comprendere i rischi reali per la salute pubblica derivanti dal loro consumo sono diversi.

rischi – mentolo

Gli studi in materia

Tra gli studi, sono due le ricerche che appaiono più interessanti relative ai rischi del mentolo sulla salute. La prima analizza la correlazione dell’uso di sigarette con mentolo e la probabilità di contrarre malattie. La seconda illustra, invece, la maggiore dipendenza che questo tipo di prodotto potrebbe provocare nei consumatori.

I rischi correlati

Una ricerca importante è stata pubblicata nella rivista Archives of Internal Medicine. Questo lavoro scientifico avrebbe rivelato alcuni dei rischi di fumare sigarette al mentolo.

In conclusione, secondo questa ricerca, i risultati sarebbero da correlarsi unicamente al mentolo. Tuttavia, il campione di fumatori analizzati non è stato, però, diviso dagli scienziati secondo altri fattori come l’età, il sesso e le malattie croniche. In effetti, i risultati ottenuti non tengono conto di queste variabili come possibili fonti alternative di malattie, tra le quali un ictus.

I rischi della dipendenza

Un’altra ricerca interessante è quella realizzata per comprendere la maggiore o minore dipendenza dalla nicotina tra l’utilizzo di sigarette convenzionali o sigarette al mentolo. La dipendenza rappresenta il primo fattore implicito all’uso continuativo dei prodotti del tabacco. Per questo si è cercato di capire il ruolo del mentolo rispetto alla variabile dipendenza. Pertanto, si è cominciato partendo dalla valutazione dei parametri tipici di questo fattore.
Tra questi abbiamo:

  • il tempo trascorso tra il risveglio e la prima sigaretta,
  • le eventuali sveglie notturne per fumare,
  • il numero giornaliero complessivo di sigarette.

Gli studi sono stati condotti su popolazioni di fumatori di diverse etnie e gruppi di età. Dai risultati emerge che, da un lato, la presenza del mentolo non incide sul numero giornaliero di sigarette consumate. Mentre dall’altro, appare la sua correlazione con il tempo trascorso tra il risveglio e la prima sigaretta (di solito fumata in 5 minuti) e le sveglie notturne per fumare. Secondo questa ricerca, quindi le sigarette al mentolo potrebbero portare i fumatori a sviluppare una dipendenza dal fumo.

Il divieto dell’Unione europea

Proprio partendo da queste analisi e risultati è da intendersi la decisione presa dalla Comunità Europea nel vietare l’uso e la vendita delle sigarette al mentolo dal prossimo 20 maggio 2020.

Con questo divieto, quindi, tutta l’Unione si impegna a prevenire e ridurre i rischi per la salute di tutti i cittadini europei.

YellowAmarillo. Il colore della creatività.

YellowAmarillo è il primo blog monografico firmato QuestionMark con un colore per nome. Un colore che diventa Yellow, nella lingua universale della comunicazione e Amarillo, in quella della nostra seconda casa, la Spagna. Perché proprio il giallo? Perché è il colore della luce, della scoperta, della creatività. Per noi l’unico possibile.

QuestionMark